XTERRA Poland, altro giro di giostra con le Fusion Lite

Home » Blog » Rassegna Stampa » XTERRA Poland, altro giro di giostra con le Fusion Lite

XTERRA Poland, altro giro di giostra con le Fusion Lite

Seconda tappa del mio personale tour che è partito dall’XTERRA Romania e terminerà sabato prossimo in Germania. La tappa “mediana” si è svolta domenica a Cracovia, stupenda città polacca con un insolito lago vicinissimo alla città.
La settimana post Romania è passata nella speranza di recuperare le forze e per cercare di mettere a posto la mtb con quello che avevo. Nulla di rotto per carità, ma manutenzione ordinaria che non è semplice on the

road. Una bella pulita alla catena, uno strato di SQUIRT lubrificante e via per un’altra settimana senza paura. Questa volta per provare il percorso gara utilizzo le Hyperlite per capire se possono essermi utili. E’ un bel tracciato nel bosco, un labirinto infinito di single track da mal di testa.

Serve la giusta pressione perché in alcuni punti si può piegare molto e dunque troppo sgonfio si rischia troppo. In realtà ci pensa il maltempo a mischiare le carte. La notte tra venerdì e sabato piove a dirotto per ore, inzuppando per bene il tracciato. E ora? La decisione presa va rivista? Decido di no, confidando nell’asciugatura da buon sole di sabato, le prove dei biker dello stesso giorno e gli atleti del “corto” che sarebbero partiti alle 9. Infatti trovo il tracciato pressoché simile a quello provato, anche se le radici sono inavvicinabili e pericolose. Tengo 1,7 anteriore e 1,6 al post. Le Fusion Lite fanno il loro sporco lavoro e mi aiutano molto nella reattività nel misto guidato e nei rilanci. Il loro ottimo peso invece mi aiuta a tenere qualche buona ruota nel tratto pianeggiante. Corro una frazione di mtb veramente ottima dopo essere uscito dall’acqua bene, ma non benissimo. Purtroppo però pago molto nella frazione di corsa finale dove la stanchezza e le energie spese in mtb vengono a mancare. Perdo così il podio, per 51 secondi e chiudo al quarto posto di categoria in 3 ore e 18 minuti.

Comunque sia, sono molto contento del risultato raggiunto, senza danni per me, ne per il mezzo che deve ancora tenere duro per la prossima tappa, l’European Championship di ZIttau (Germania). Che sarà la volta di cambiare qualcosa?

2018-08-15T22:41:04+00:00 agosto 15th, 2018|Rassegna Stampa|0 Commenti

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.